Simply Etruria
e Legambiente

Simply Etruria e Legambiente insieme
per i progetti di piantumazione di alberi
nei parchi italiani

Un impegno green che si rafforza anche attraverso la collaborazione con Legambiente a sostegno dei progetti di piantumazione di alberi nei parchi italiani. Una sinergia, nata nel 2010, che si è sviluppata attraverso interventi di piantumazione e rinverdimento, in aree individuate in Italia, tra quelle più bisognose d'intervento e valorizzazione.
Grazie alla generosità dei clienti di Simply Etruria, Legambiente è riuscita negli anni, a piantare 900 nuovi alberi
  • Piantumare alberi e riqualificare le aree verdi è un gesto concreto per contribuire a fermare la “febbre del pianeta” e invertire il cambio di clima. Un'azione simbolica che, unita ai piccoli gesti quotidiani e a misure più strutturali di vita sostenibile, aiuta a ridurre l'effetto serra, a tutelare la biodiversità e ad arrestare i cambiamenti climatici. Basti pensare che piantando 20 alberi si compensa la CO2eq prodotta dal consumo annuo di elettricità in un ufficio con 10 dipendenti.
  • I progetti di piantumazione in Emilia Romagna. Grazie alla collaborazione con Simply Etruria, Legambiente ha realizzato un progetto di piantumazione all'interno del Parco Delta del Po Emilia-Romagna: un'area protetta che copre circa 54 mila ettari e che comprende i comuni di Cervia, Ravenna e Alfonsine in provincia di Ravenna, e i comuni di Argenta, Ostellato, Comacchio, Codigoro, Goro e Mesola della provincia di Ferrara.
  • Il progetto all'interno del “Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile il Girasole” in Maremma. La collaborazione tra Simply Etruria e Legambiente che si rinnova anche a sostegno del progetto di piantumazione di nuovi alberi all'interno del “Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile il Girasole” di Legambiente, alle porte del Parco Naturale della Maremma. Si tratta un'area verde di 171 ettari, recentemente diventata “Zona di Protezione della Fauna Migratoria”, dove ha sede il centro di Legambiente.
  • Grazie alla sua posizione, a pochi kilometri dalla costa, il centro di Legambiente è rotta migratoria di diverse specie alcune delle quali nidificanti, come il Balestruccio, il Merlo, il Gruccione e l'Occhione. Inoltre i pini domestici e marittimi, piantati dall'uomo, e presenti in quest'area, servono a rinsaldare le aree liberate dalle acque e riparare dai venti marini le zone agricole retrostanti. Caratteristici del territorio sono, inoltre, i lecci (Quercus ilex), alti fino a 12 metri, il corbezzolo (Arbutus unedo), e la quercia da sughero (Quercus suber). Nei terreni umidi e ombreggiati del sottobosco crescono ciclamini, ma anche mirto, lavanda e pungitopo. Un territorio variegato che ha subito negli ultimi anni le conseguenze spesso catastrofiche del verificarsi di eventi climatici nefasti, a partire dal maltempo che ha interessato la provincia di Grosseto nel marzo 2015. A causa del vento, infatti, sono caduti decine di alberi e si sono registrati molti i danni al territorio. Una zona, che ora ha bisogno dell'aiuto di tutti per ritornare a essere quel prezioso patrimonio di biodiversità e luogo di rifugio, riproduzione e sosta della fauna selvatica. Proprio qui il Centro di Legambiente, grazie anche alla generosità dei clienti Simply Etruria, sta proseguendo la sua attività di salvaguardia dell'ambiente, realizzando esempi concreti di buone pratiche quotidiane nel campo ambientale.

    www.legambiente.it
    www.festambiente.it